5 strumenti per combattere scarico illegale selezionato da Karroad

Scarico illegale 

Ll dumping accidentale è vecchio come le città stesse. La lotta contro i rifiuti è sempre stata una vera e propria questione sociale. Inoltre, gli scienziati sono interessati a questa gestione passata del riciclaggio e della gestione dei rifiuti nell'Antica Roma. Potete leggere un articolo qui :

Come potete vedere, il problema è vecchio ma l'argomento è ancora attuale. Non passa una settimana senza che le notizie ci ricordino che il littering è un problema critico, sia a livello politico che ambientale. Infatti, un rifiuto scaricato in natura è un rifiuto che contaminerà l'ambiente, più o meno a lungo. È anche un atto di eminentemente politica perché inquinare la città, non rispettare gli impegni con i concittadini, è una cosa seria.

 

1. Telecamere di videosorveglianza o di protezione video

lotta delle camere contro lo scarico illegale

Le telecamere di videosorveglianza (CCTV) hanno invaso lo spazio comune. La città è ora piena di telecamere. La gente si è abituata alla loro presenza, li identifica facilmente e sa dove sono. 

A Karroad, si pensa che le telecamere di videosorveglianza siano perfette per proteggere gli edifici, ma chiaramente inadatte a combattere lo scarico illegale se lasciate in un quadro legale. Numerosi studi lo dimostrano.

 

2. Telecamere per cacciatori, note come trappole per telecamere

Avete capito che l'installazione e l'utilizzo di una videocamera di protezione richiede un'installazione pesante, sia giuridica che tecnica. Per superare questo deficit, c'è la possibilità di utilizzare telecamere di tipo cacciatore, note come trappole per telecamere. Dotati di LED, possono anche scattare foto di notte. Il principio è semplice: un movimento equivale a una foto. Questo è pratico perché appena c'è un movimento, viene scattata una foto, con un ritardo più o meno forte. Dotate di LED, le telecamere a scatto automatico 

trappola fotografica per la polizia municipale

A Karroad, troviamo ancora un peccato che in questi depositi illegali non venga mai fatto un ricordo dei centri di smaltimento dei rifiuti e delle loro aperture. Questo dovrebbe essere provato.

 

3. Visualizzazione e promemoria della legge

 

Informare è già educare. Incoraggiare l'acculturazione delle persone affinché non contravvengano più alla legge. L'idea è quella di ricordare loro la legge spiegando loro che rischiano un fine. Come potete vedere, ricordare alle persone che stanno commettendo un reato che stanno commettendo un reato sarebbe utile. Abbiamo i nostri dubbi sull'utilità di tali display.

segnale di divieto di scarico

Un cartello che vieta il deposito di rifiuti su Amazon come esempio.
Il pannello è industrializzato e costa in media dieci euro.

A Karroad, il sistema ha chiaramente dei vantaggi: è poco costoso (circa 30 euro) e pratico. Viene offerto in alcuni casi. Bisogna tenere a mente due cose: la quantità astronomica di foto prodotte e il tempo necessario per gestire queste foto. Karroad sarebbe felice di discuterne con voi.

 

4. Applicazioni anti-littering

Clean2gether, GreenR o Waster sono le principali applicazioni di questo tipo. L'idea è quella di coinvolgere i cittadini e dare loro un canale facile da gestire per i municipi per elencare i comuni.

Il consiglio comunale è consapevole del littering e può intervenire. Tuttavia, questo affronta il problema di rilevare il littering ma non la fonte. 

Inoltre, più alto è il livello del servizio di pulizia, più i cittadini sentono che è un diritto, e quindi ne approfittano. Un indicatore: il numero di discariche illegali dovrebbe diminuire, ma in molte città è ancora in aumento.

Dire dove ci sono discariche e scarichi illegali è bene, lottare contro di essi è ancora meglio.

A Karroad, pensiamo che il sistema sia coerente finché c'è una componente repressiva. Una componente puramente informativa rischia solo di aumentare il livello dei servizi e quindi di essere controproducente: il numero di discariche illegali deve essere limitato e non solo limitare il tempo necessario per affrontare lo scarico illegale.

 

Ci sono domande? Altre informazioni?

La nostra posta : [email protected] - 04 22 46 15 88

13 + 8 =

4.8/5 - (579 voti)